Drammi greci: dallo spettacolo ‘monouso’ all’idolo testuale