Éducation par la musique et persuasion rhétorique chez Aristote: L'ethos dans la Rhétorique et dans les Politique (VIII, 5)

TitleÉducation par la musique et persuasion rhétorique chez Aristote: L'ethos dans la Rhétorique et dans les Politique (VIII, 5)
Publication TypeBook Chapter
Year of Publication2002
AuthorsWœrther, F
EditorMalhomme, F
Ancient AuthorsAristoteles et Corpus Aristotelicum Phil. (TLG 0086)
Book TitleMusica Rhetoricans
Pagination21-36
PublisherPresses de l'Université de Paris-Sorbonne
CityParis
ISBN9782840502272
KeywordsAristotele, ethos, harmoniai, retorica
Abstract

In Pol. 8,5 Aristotele si occupa del ruolo della musica nell'educazione dell'ethos. Il termine ethos ricorre perciò frequentissimo, ma in tre diverse accezioni: 1) 'la partie de l'âme qui désigne un comportement stable, pouvant être soumise à une modification par l'influence de la musique'; tale modificazione può divenire, per effetto dell'abitudine, stabile; 2) specifici tratti di carattere (collera, dolcezza…) dell'ethos, che possono essere rappresentati direttamente dalla musica; 3) caratteri delle harmoniai, definiti in base agli effetti che operano sull'ethos degli ascoltatori [28]. Il termine ethos è assai frequente anche nella Retorica, in cui designa: 1) il mezzo di persuasione legato al carattere e alla persona dell'oratore (se è in grado di suscitare fiducia); 2) il carattere dell'uditorio, che muta in funzione del regime politico, dell'età, delle condizioni socio-economiche, e di cui l'oratore deve tener conto per modellare l'immagine che vuole dare di sé stesso (ethos) [34]. Nella Politica (e nell'Etica Nicomachea), da un lato, e nella Retorica dall'altro, ethos appare dunque usato in modi assai diversi; se l'educazione musicale agisce per imitazione, la persuasione retorica non appartiene alla problematica dell'imitazione, ma agisce per 'adaptation'. Tuttavia, nonostante le differenze, una convergenza è 'dans leur fonctionnement': è il principio che 'il simile agisce sul simile', caro alla mentalità greca già pre-platonica; nell'educazione musicale il giovane modifica il proprio ethos secondo l'ethos delle melodie che ascolta; nella persuasione retorica un uditorio non è convinto se non da un oratore che assimila il proprio ethos a quello dell'uditorio stesso [34-6].

Site information

© 2007-2012 MOISA: International Society for the Study of Greek and Roman Music and Its Cultural Heritage


Site designed by Geoff Piersol and maintained by Stefan Hagel
All rights reserved.