Il ‘canto’ magico nel mondo greco: sulle origini magiche del potere psicagogico della musica

TitleIl ‘canto’ magico nel mondo greco: sulle origini magiche del potere psicagogico della musica
Publication TypeJournal Article
Year of Publication2001
AuthorsRocconi, E
Ancient AuthorsTheophrastus Phil. (TLG 0093), Plato Phil. (TLG 0059), Pythagoras Phil. (TLG 0632), Homerus Epic. (TLG 0012), Porphyrius Phil. (TLG 2034), Aristoxenus Mus. (TLG 0088)
JournalSeminari romani di cultura greca
Volume4
Issue2
Pagination279-287
Abstract

Il potere magico della musica - ben noto nella tradizione greca fin da Omero, come mostra il termine ἐπαοιδή - è nella maggior parte dei casi inteso come 'potere essenzialmente 'calmante’ nei confronti di dolori e malattie'. Tale caratterizzazione si ritrova anche nel pitagorismo più antico, che elabora la concezione della musica-medicina nel senso di 'una primigenia terapia musicale delle passioni e affezioni dell’animo, sviluppata dalla filosofia successiva nella c.d. teoria dell’ethos musicale'; pur senza negare alla musica poteri curativi sul corpo, i Pitagorici sembrano aver posto le basi per un più definito impiego della musica a fini psicagogici. Essi, però, a giudicare da Porph. Pyth. 33 (Pitagora curava gli ammalati nel corpo con epodaí e magie, gli ammalati nell’anima con la mousiké) combinato con Aristox. fr. 26 W. (i Pitagorici operano la catarsi del corpo con la medicina, quella dell’animo con la musica), sembrano distinguere fra epodé (sentita quale parte della iatriké) e vera e propria mousiké, distinta dall’ambito medico-magico e cui sola compete la purificazione dell’anima (nella teoria dell’ethos musicale, non a caso, ci si riferisce al potenziale psicagogico dei singoli modi e strumenti musicali, quelli della vera mousiké): la distinzione potrebbe essersi sviluppata in connessione con la concezione dell’anima come entità distinta dal corpo (aspetto centrale nel pitagorismo, appunto, e nell’orfismo). Del resto, epodé sembra indicare, più che un vero e proprio canto, una nenia rituale a scopo curativo (cfr. Soph. Ai. 581s.; Plat. Phaed. 77e); similmente il termine góes (mago-guaritore e psicagogo) è connesso con góos, il pianto rituale. La linea di demarcazione fra epodaí e vera e propria mousiké non fu comunque mai netta (cfr. Theophr. frr. 726A-B Fortenbaugh); in tale ottica rientrano le leggende su Terpandro e Talete di Gortina che con la musica liberarono Sparta e Creta dalla peste. [Gianfranco Mosconi]

Site information

© 2007-2012 MOISA: International Society for the Study of Greek and Roman Music and Its Cultural Heritage


Site designed by Geoff Piersol and maintained by Stefan Hagel
All rights reserved.