Las sirenas pitagóricas y su trasfondo

TitleLas sirenas pitagóricas y su trasfondo
Publication TypeBook Chapter
Year of Publication2000
AuthorsMolina Moreno, F
EditorCrespo, E, Castro, MJB
Ancient AuthorsPythagoras Phil. (TLG 0632), Plutarchus Biogr., Phil. (TLG 0007)
Book TitleActas del X congreso español de estudios clásicos: (21-25 de septiembre de 1999). 1, Sesiones de inauguración y clausura, lingüística griega, literatura griega
Pagination541-550
PublisherSociedad Española de Estudios Clásicos
CityMadrid
ISBN9788478824519
Keywordscatarsi, Oriente, Pitagorismo, sirene
Abstract

La funzione catartica attribuita alla musica dai Pitagorici ha un carattere soprannaturale, in quanto si ricollega all'idea della musica emessa dalle sfere celesti, che è fonte di purificazione per le anime dei Beati: Plutarco (quaest. conv. 9, 14, 6, 2, 745d8-e3) appunto personifica tale valenza soteriologica della musica delle sfere con l'immagine del canto delle Sirene, creature che già Platone aveva associato all'ambito celeste nel mito - soteriologico - di Er (resp. 614a-621a). Le Sirene presentano spesso connessioni con l'ambito celeste, in quanto esseri alati, qualità che a sua volta poteva avere implicazioni soteriologiche (911 Nauck); del resto, il fascino della musica delle sfere è talora paragonato a quello del canto delle Sirene stesse (Phil. Alex. quaest. in Genesim 3,3). Esseri mitologici dalla probabile origine vicino-orientale e mesopotamica, le Sirene possono essere accostate a quegli esseri soprannaturali propri delle mitologie del Vicino e Medio Oriente antico, entità mediatrici fra la divinità e il mondo in cui rientrano anche gli angeli della tradizione biblica e poi cristiana (serafini e cherubini sono caratterizzati dalle ali: Is. 6,2): come le Sirene, anche gli angeli sono esseri di salvezza, giacché conducono le anime in paradiso (Lc. 16,22), e come le Sirene lo fanno cantando (Greg.Naz. carm. 2,280ss.; Greg. Magnus dial. 4,14 e 15,1), sebbene in segno di gioia e non per guidare le anime come le Sirene in Plutarco [544]. Gli angeli, d'altra parte, cantano anche in gloria e in presenza di Dio: anche questo aspetto li accomuna alle Muse-Sirene responsabili dell'armonia universale [545]. Anche se per alcune caratteristiche degli angeli possono essere rintracciate chiare origini in varie tradizioni del Vicino Oriente antico, mesopotamiche, iraniche [546-9], l'elemento musicale dell'angelologia cristiana mostra dunque stretti punti di contatto con le Sirene della speculazione neoplatonica e pitagorica [550].

Site information

© 2007-2012 MOISA: International Society for the Study of Greek and Roman Music and Its Cultural Heritage


Site designed by Geoff Piersol and maintained by Stefan Hagel
All rights reserved.